Diritti TV Serie A: abbiamo provato l’effetto del sistema di ripartizione della Premier League … date un’occhiata!

Filed under: Diritti TV |

La scorsa settimana abbiamo pubblicato l'analisi "Diritti TV Serie A: ecco la simulazione aggiornata per la stagione 2012/2013", che è stata poi ripresa da Tuttosport il 26 ottobre 2012 nonché da vari altri siti italiani, su tutti da "Blog-In Dentro lo sport" di Simone Salvador.

L'amico inglese Ed Thompson (@edthompsn), l'editor del sito Financial Fair Play, ci ha contattato ed ha realizzato un'interessante analisi, mettendo in relazione i criteri utilizzati dalla Serie A italiana e quelli della Premier League, per provare a capire che cosa accadrebbe:

  • se la Premier League adottasse il criterio di ripartizione italiano
  • se la Serie A adottasse il criterio di ripartizione inglese

Ricordiamo, rapidamente, i criteri che vengono usati:

 

La Serie A prevede che il valore netto dei diritti (le REN) vengano divisi fra le squadre secondo i criterio:

  • 40% in parti uguali;
  • 30% sulla base del bacino d’utenza (25% sulla base dei sostenitori e 5% sulla base della popolazione residente nel Comune in cui gioca la squadra);
  • 30% sulla base dei risultati ottenuti dalla squadra (5% sulla base dei risultati della stagione, 15% sulla base dei risultati del quinquennio precedente, 10% sulla base dei risultati storici dal 1946/47).

 

La Premier League, invece, distingue fra i ricavi nazionali e quelli esteri, e provvede a dividerli in maniera diversa:

             La quota nazionale (il 61% del totale) è divisa come segue:

  • il 50% in parti uguali;
  • il 25% a seconda del numero di volte che un Club viene trasmesso live;
  • il 25% a seconda della classifica dell'anno.
             La quota estera (il 39% del totale) è ripartita in parti uguali.

Il risultato è che la quota complessiva di diritti che vengono attribuiti in maniera uguale ad ogni squadra della Premier League è complessivamente pari al 70% del totale.

La preponderanza del criterio "solidale" in Premier League è apprezzabile immediatamente da questa tabella di confronto:

 

Fonte: Tifoso Bilanciato e Financial Fair Play, valori in Euro

Come osserva Ed Thompson,

Nonostante il piatto italiano sia inferiore del 22% rispetto alle entrate TV della Premier League, la Juventus riceve 27,4 milioni di Euro in più del Manchester City. AC Milan ha ricevuto 12,5 milioni di Euro in più dei club di Manchester. I club posizionati fra la 3a e la 6a posizione ricevono circa la stessa per le due leghe. La vera disparità è nelle squadre  dal 7 ° posto in giù: il Wolves riceve il doppio dei ricavi  TV rispetto alla più bassa in Italia e la metà delle italiane riceve circa 21,1 milioni di Euro a stagione in meno delle loro controparti inglesi.

 

Effettivamente, mentre la differenza fra il Manchester City ed il Wolves è di 1,5 volte, in Italia la Juventus ottiene 4,2 volte il fatturato del Pescara.

 

Il sistema italiano applicato alla Premier League

Ma vediamo cosa accadrebbe se la Premier League adottasse il criterio di suddivisione dei ricavi italiano:

 

 Fonte: rielaborazione su dati www.financialfairplay.co.uk

 

Cinque delle prime sei squadre avrebbe guadagnato in modo significativo con il sistema italiano. L'unica eccezione è il Manchester City che probabilmente ha la più bassa base nazionale di supporter rispetto agli altri top team. Arsenal e Man Utd potrebbero ottenere il massimo dell'incremento grazie alla loro grande base di supporter su base nazionale. L'Arsenal hao anche il vantaggio di venire da una grande città ed hanno risultati storici molto buoni.

All'altro estermo, ad eccezione dell'Aston Villa, tutti i club sotto l'ottava posizione riceverebbero di meno con il modello italiano. l'Aston Villa guadagnerebbe grazie al  punteggio molto nel criterio dei  Supporter, alla provenienza da una grande città e un buon punteggio derivante dai risultati del dopoguerra. I grandi perdenti sarebbero lo Swansea – con una riduzione di quasi 26 milioni di Euro – e finirebbero per essere la squadra meno premiata, nonostante la loro buona posizione in campionato della scorsa stagione.

 

Il sistema inglese applicato alla Serie A

Altrettanto interessante, ai nostri occhi, è verificare come cambierebbe la distribuzione dei diritti TV in Serie A se anche noi adottassimo il criterio della Premier League.

Per farlo dobbiamo innanzi tutto suddividere il monte ricavi (le REN) fra quota nazionale ed internazionale: la prima pesa per 834 milioni di Euro, la seconda per 116 milioni di Euro.

La quota nazionale viene quindi suddivisa come abbiamo precedentemente descritto: il 50% in parti uguali, il 25% sulla base delle presenze TV ed il 25% sulla base della classifica dell'anno precedente. Nel nostro caso, poiché l'utilizzo del criterio dei passaggi televisivi live non è applicabile all'Italia (tutte le partite sono in diretta) si è ipotizzata una media ponderata fra una ripartizione in parti uguali (5%) e quella derivante dal numero di supporter.

Ecco il risultato, con la differenza rispetto all'attuale ripartizione:

 

Serie A come Premier dati

 

Il riequilibrio dei ricavi fra le squadre sarebbe importante. Se, attualmente, la Juventus percepisce una quantità di denaro pari a 4,2 volte quelle del Pescara, questo rapporto scenderebbe fino al 1,73.

 

 

Serie A come premier graph

 

E' chiaro che una tale ripartizione produrrebbe delle conseguenze molto importanti sull'assetto della Serie A, oltre a mettere in seria difficoltà il rispetto dei criteri del Financial Fair Play, che già in questo momento sono un problema.

 

 

Serie A come premier differenze

 

 

Se osserviamo, però, gli altri 3 principali campionati europei, a parte La Liga spagnola (che ha un sistema di ripartizione ancora meno equo di quello della Serie A), sia la Bundesliga  tedesca che la Ligue 1 francese hanno un sistema di ripartizione che tende a prevedere una quota rilevante dei diritti distribuiti in parti uguali e la differenza essenzialmente dipendente dai risultati sportivi più recenti.

Due le obiezioni di fondo delle grandi squadre :

  • i diritti televisivi provengono dall'audience che le pay tv contano di raggiungere con la trasmissione degli eventi, quindi è corretto che le squadre che hanno un seguito maggiore vengano premiate in maniera più che proporzionale alle altre;
  • una contrazione dei ricavi da diritti televisivi porterebbe una diminuzione di competitività delle squadre italiane in Europa, minori ricavi UEFA ed un conseguente progressivo impoverimento del campionato di Serie A.

Sul primo punto si potrebbe, provocatoriamente, obiettare che anche se si facesse un campionato a 5/6 squadre l'interesse scemerebbe e che, quindi, l'effetto di contrazione dei ricavi si avrebbe lo stesso; ma, probabilmente, il prodotto "grande squadra" sarebbe comunque venduto.

La realtà dei fatti è che questa grossa differenza impone, di fatto, uno status quo al campionato di Serie A, con la sostanziale impossibilità da parte di una squadra "media" di vedere premiato un risultato annuale significativo e di trarre risorse economiche per proseguire un cammino di progressiva crescita.

Sul secondo punto, invece, il ragionamento è molto più debole. Intanto perché, proprio come nel caso della Premier League, le nostre squadre top stanno già incassando molto di più delle loro rivali europee. Eppure, i risultati in campo UEFA non sono così gratificanti.

Secondariamente perché le altre nazioni stanno progressivamente migliorando il proprio coefficiente UEFA (sia nazionale, sia delle singole squadre) probabilmente perché anche le medie, quando si trovano a partecipare ad una competizione europea, sono sufficientemente dotate di risorse economiche per assicurare la costruzione di una rosa dignitosa. Le squadre italiane, invece, spesso e volentieri falliscono miseramente. E questo provoca un danno a tutto il sistema e previene da ulteriori ricavi (ricchi!) disponibili per chi partecipa alle competizioni UEFA, in particolare alla Champion's League.

Concludiamo riportando le osservazioni finali del nostro amico Ed Thompson:

In Italia, il premio per il raggiungimento di una posizione di alta classifica è solo il 5% del budget totale, per cui sarebbe necessario un proprietario con disponibilità economiche importanti per finanziare un club di medie o piccole dimensioni nell'attesa di raccogliere la ricompensa finanziaria per il successo del proprio club. In Italia i premi non sono così istantanei, con pagamenti in corso sulla base di elementi che richiedono molto tempo per cambiare (ad esempio i 'sostenitori' nazionali, i risultati dei 5 anni e le posizioni dal dopoguerra). Tuttavia, in Premier League un club viene premiato quasi istantaneamente attraverso le regole del "Merit payment" e del "Facility Fee".

È interessante notare che l'equità della distribuzione delle risorse TV rende in realtà la Premier League  molto più attraente per un potenziale proprietario. Se avessimo una distribuzione meno egualitaria dei fondi TV, probabilmente avremmo avuto meno ricchi investitori che scelgono di investire il loro denaro in club come il Fulham, QPR, Stoke e Bolton.

 

Visto che anche in Italia, spesso, invochiamo il ricco mecenate proveniente dall'Oriente (che sia Russia, Medio Oriente o Cina), siamo sicuri che gli effetti di breve e medio periodo (quelli di lungo li stiamo già sperimentando …) non siano opposti a ciò che si riteneva di voler raggiungere?

Oppure, ed è uno scenario altrettanto plausibile, non vi è una vera visione strategica di insieme (inteso come "sistema calcio") ma una difesa da parte del più forte di uno status quo. Che per ora lo protegge. Ma che potrebbe anche danneggiarlo in futuro.

 

(questo post è stato realizzato in collaborazione con @edthompsn, la versione originale può essere trovata su www.financialfairplay.co.uk)

 

 

Incoming search terms:

Grazie! Adesso racconta agli altri come ti senti - .
Come ti senti dopo aver letto questo post?
  • Eccitato
  • Affascinato
  • Divertito
  • Annoiato
  • Triste
  • Arrabbiato
  • Pingback: *** Official Serie A 2013/2014 *** - Pagina 246

  • Pingback: E se facessimo come in Inghilterra ? | Strada Maggiore 45

  • Pingback: Anonymous

  • Pingback: Possibili nuovi criteri per la ripartizione dei proventi da diritti TV

  • Pingback: La Premier League verso i 2 miliardi di Euro di ricavi per Diritti TV (+40%) | La Biblioteca del Tifoso "Bilanciato"

  • Pingback: Una proposta di variazione dei criteri di ripartizione dei diritti TV in Serie A | La Biblioteca del Tifoso "Bilanciato"

  • Carlo

    A me pur essendo tifoso specialmente in questo periodo di forte crisi mi scappa da ridere soltanto a leggerle certe cifre e comunque sono dell’idea che tra la Juve e il Pescara ci sia davvero troppa differenza di milioni…secondo me la forbice andrebbe ancora ridotta a favore delle mediopiccole….

    • Tifoso Bilanciato

      Siamo d’accordo con lei. In piccola parte lunedì qualcosa verrà fatto in Lega, nel senso se una parte di proventi verranno allocati a favore delle prime dieci classificate. Ma certo siamo distanti dal 70% diviso in parti uguali della Premier o dal criterio fortemente meritocratico della Bundesliga.

  • daniele

    SCUSATE MA AL RIPARTIZIONE inglese in base al nuovo contratto stipulato per il trienno 2013-2016 preve il doppio dei ricavi. Quindi per le societa’ italiane e’ finita

  • daniele

    Con il sistema inglese le squadre italiane in primis la Juventus non avrebbero in nessun modo la possibilita’ di competere a livello europeo, perche’ il manchester united ricava oltre 105 milioni di euro l’anno dallo stadio, mentre la Juve circa 40 di media. Gia oggi appunto per questa differenza incredibile di introiti da stadio la COMPETIZIONE per la Juventus e’ IMPOSSIBILE.
    E cio’ che bisognerebbe chiedere a chi gestisce la Juventus anche attraverso articoli che possono essere evideniati e redatti in questo sito e’ come il club bianconero ha itnenzione di affrontare questa differenza che riguarda gli itnroiti da stadio che fanno si in pratica che un VanPersie scegliera’ sempre di accasarsi al Manchester anziche’ alla Juventus e che lo United puo’ agevolmente remunerare calciatori anche con stipendi annui di oltre 6,7 milioni annui che alla Juventus per il problema degli incassi da stadio non e’ consentito.
    INSOMMA LA JUVE E’ NEI GUAI PER QUESTO MOTIVO SE INTENDE ESSERE AL VERTICE A LIVELLO EUROPEO NEI PROSSIMI DECENNI CON UNO STADIO APPENA COSTRUITO!

  • Tifoso Bilanciato

    Grazie.
    Lavorare a 4 mani è sempre meglio e se fa un salto sul sito http://www.financialfairplay.co.uk troverà un sacco di cose interessanti.

    Sui diritti esteri la Serie A prende 116 milioni di Euro, di certo non una cifra esorbitante. Specialmente se si pensa che la Premier ha appena venduto i suoi diritti per i soli USA (alla NBC) pare intorno ai 250 milioni di USD per il triennio che parte 2013/2014.

    • Giuliano

      Grazie.
      E’ veramente incredibile, 250 milioni di $ solo in USA. Il gap con gli altri paesi è destinato ad aumentare. La Germania è in espansione ed i risultati sportivi cominciano a confermarlo.
      Per me ormai la Serie A è inguardabile. Ormai mi limito solo alla visione dei 90 minuti delle partite del Genoa e niente di più. Per fede, non certo per lo spettacolo :-)
      Per il resto le partite della Premier e della Bundesliga (se le facessero vedere) sono proprio un altro livello, preferisco guardare quelle.
      E’ dura, pensando a cos’era il calcio nostrano negli anni ’90. Ma così è, il calcio vero ormai è da altre parti.

  • Giuliano

    Bellissimo! Grandissima simulazione che potrebbe aprire ampi dibattiti… Complimenti!
    La cosa, fra le tante, che a me colpisce maggiormente è la ripartizione dei Diritti Esteri. Praticamente inesistenti in Italia mentre in Premier fruttano 18,8 mln per ogni società.
    Questo perché il prodotto “Premier League” funziona per il grandissimo lavoro fatto negli anni mentre il prodotto “Serie A” è ridicolo perché da anni si privilegia il prodotto del singolo Club e non quello della Lega Serie A (la gestione Galliani ha portato a questi risultati). Inizialmente la cosa ha dato i suoi frutti ai grandi club ma alla lunga ha danneggiato tutti, grandi club compresi, che adesso arrancano e in Europa valgono zero.